X

Menu

EUGENIO FINARDI
Sabato 11 giugno 2005 – h 21:30
ingresso gratuito

finardi

Il personaggio del mese alla Suoneria è senza dubbio Eugenio Finardi, musicista e poeta tra i più originali emersi negli ultimi trent’anni dal magma del pop nazionale. Un ragazzino, quando il suo inconfondibile profilo veniva accolto al Palazzo dello Sport di Torino con una certa diffidenza, in apertura di uno show del suo maestro Fabrizio De Andrè. E poi il Finardi capace di adunate massicce tutte per sé per l’inno di protesta “Musica ribelle”, per l’amore freak di “Zucchero”, per la voglia di fuga di “Extraterrestre”; ancora, l’eterno adolescente invaghito di Lara Croft e il raffinato appassionato di fado portoghese, in giro per l’Italia con quei suoni fatali. Tutti noi abbiamo una valigia piena di ricordi legati alle canzoni e ai concerti di Eugenio, ma pochi hanno avuto occasione di incontrarlo nei panni del bluesman caloroso, che veste in occasione di questa visita alla nostra Casa della Musica. Si chiama proprio “Anima Blues” il progetto che il cantautore milanese ha messo in piedi con la complicità del giovanissimo chitarrista Massimo Martellotta e con i più navigati Pippo Guarnera e Vince Vallicelli. Per scatenare l’acquolina in bocca basterebbe l’assetto del quartetto: organo Hammond, due chitarre e batteria, con l’esperto Pippo che concede una mano alle linee di basso. Spettacolo garantito, tanto più se l’occhio casca sul programma, che vede classici letali come “Soul Of A Man” di Blind Willie Johnson, “Little Red Rooster”, “The House Of The Rising Sun” o “Hoochie Coochie Man” alternarsi sia a brani nati in seno alla formazione che agli arrangiamenti blues delle eterne “Diesel” e “La mia vita senza te”. L’anima è blues, la voce inconfondibile, la serata magica.
Location: Auditorium

« Previous Post
Next Post »

INFO: 011 8028705