X

Menu

MARCO VOLPATTO PRESENTA: “GIÒN UÈIN E BAROLODELSESSANTAQUATTRO”
Sabato 26 maggio 2012 – h 21:00
ingresso gratuito

gion_uein

Ambientato fra Torino e le montagne piemontesi, “Giòn Uèin e Barolodelsessantaquattro” è la rocambolesca avventura di un gruppo di uomini e di un piccolo cane immersi nell’atmosfera magica e impareggiabile del Sessantotto, il movimento più discusso della società contemporanea, con l’Italia in bilico tra nord e sud, libeccio e maestrale, campagna e fabbrica, in vorticoso mutamento demografico per via delle grandi migrazioni che stanno trasformando il volto del Paese. Dentro una comunità genuina, aggrappata al lavoro, alla nostalgia e alla conquista di nuovi diritti, nasce l’amicizia tra un ragazzo del nord, Giòn Uèin, e un giovane del sud, uniti dagli ideali sessantottini e dall’affetto per un cagnolino dolcissimo e intelligente, Barolodelsessantaquattro.

I ragazzi, dibattuti tra futuro e rivoluzione, sono costretti a fuggire in montagna dopo una sfortunata manifestazione popolare. Sarà un cammino faticoso, epico, e avrà il suo significato ultimo e profondo nella meta: il Ponte del Diavolo, luogo denso di misteri e timori ancestrali, emblema della riscossa dell’umile sul prepotente. Il viaggio sarà anche l’occasione per cementare l’amicizia e per riconoscersi più forti del destino che li costringe a passare in gattabuia la notte di Italia-Germania quattro a tre, un incontro di calcio irripetibile come senza eguali è la loro impresa.

Sullo sfondo, un popolo tenace, volenteroso, unito, capace di dare voce alle proprie istanze e ottenere, come realmente accadde, grandi conquiste sociali. È una cultura che da sempre distingue la nostra gente, alla perenne ricerca di icone viventi con cui accompagnare il proprio riscatto: Bob Kennedy, Martin Luther King, Gianni Rivera, Bob Dylan, Gigi Riva Rombo di Tuono se si vola alto; oppure, guardando più semplicemente a casa propria, Giòn Uèin e Barolodelsessantaquattro.

« Previous Post
Next Post »

INFO: 011 8028705