X

Menu

PABLO E IL MARE@TERRAZZA BIBLIOTECA ARCHIMEDE
Giovedì 18 giugno 2015 – h 21:00
Ingresso gratuito – Live Radio Archimede

pablo e il mare

 

Un cantautore dalla vena pop e il suo prezioso ensemble dall’innato gusto per le contaminazioni mediterranee. Testi che hanno conquistato le attenzioni tanto del mondo della canzone quanto di quello del fervente universo indie nostrano. Questo è Pablo e il mare, progetto in acustico guidato dai testi e la voce di Paolo Antonelli, da Torino. “Respiro” (Libellula Music-Audioglobe 2015) è il suo terzo disco, promosso dal singolo “Di più”. https://youtu.be/Y7v52z-J_KUUna storia cominciata nel 2005 con la vittoria della XVI edizione di “Rock Targato Italia” e la pubblicazione di “Onde”, disco d’esordio alla pubblicazione del quale seguirono ottanta concerti in formazione elettrica. Tra questi molti festival, al fianco di realtà quali Casino Royale, Africa Unite e Meganoidi. Nel 2009 Pablo e il mare diventa “grande”. Svolta in direzione acustica e più intima e raccoglie i favori del mondo della canzone d’autore. “Miramòr”, secondo lavoro del 2011 ottiene pregevoli riscontri di critica: “Franco Ciccio e la Sirena” è brano del mese su DemoRai e “Farfalle” entra nella top50 della classifica IML. Pablo rappresenta l’Italia al “Kranfest”, in Slovenia. Il tour promozionale di Miramòr si snoda per sessantasei date, da Aosta a Catanzaro.

Mediterraneo ed esotico, elegante e accattivante viaggio tra cantautorato, folk, rock e world (Ambrosia J. S. Imbornone “Mescalina”). Pablo ha trovato la quadratura del cerchio, tra perle pop e fascinazioni folk. (Alessandro Bonetti, “Rockerilla”). A volte capita di trovare il disco giusto per la stagione giusta. Caldamente consigliato! (Paolo Arena, “Ephebia”). Tende smosse dal vento e quel sospiro caldo d’estate. E’ tornato Pablo e il mare (Indiepercui): Pablo e il mare, canzoni percorse da belle correnti d’autore. (Maurizio Maschio, “Rockerilla”). Quelle di Pablo e il mare sono songs delicate ed accattivanti che cullano piacevolmente, frutto di un pop cristallino. (Maurizio Calzavara, “Bluradio Veneto”). Echi di mostri sacri come Paolo Conte nell’eleganza testuale e nella sensibilità latina. Un’ora e mezzo di poesia in note nella tappa vicentina di Pablo e il mare, fatta di straordinaria peculiarità espressiva, intima e misurata (Francesca Danda, “il Giornale di Vicenza”).

Paolo Antonelli: voce e chitarre, testi e musiche.
Fabrizio Cerutti: contrabbasso
Andrea Ferraris: pianoforte
Marco Ostellino: percussioni
Francesco Coppotelli: violino

Location: Terrazza Biblioteca Archimede

« Previous Post
Next Post »

INFO: 011 8028705