X

Menu

SERGIO BERARDO, INTERVISTA A CURA DI MARCO VOLPATTO
Sabato 26 marzo 2011 – h 21:30
ingresso 5 €

sergio berardo

Una lezione concerto del suo esponente più sanguigno e moderno porta la musica occitana alla Suoneria. È l’appuntamento con Sergio Berardo, molto più che un musicista folk. Anzi, uno che al concetto di folklore ha rinunciato con orgoglio, rifiutando di relegare la cultura, i suoni, le danze e gli strumenti dell’area D’Oc all’immobile concezione della tradizione da difendere a tutti i costi. In ventinove anni di lavoro con i Lou Dalfin, questo Capitan Fracassa di Caraglio ha saputo mantenere saldo il legame con le radici e filologicamente corretta la ricerca sugli strumenti, muovendo di pari passo verso il resto del mondo. Il rock, il jazz, l’elettronica, il reggae dub hanno di volta interagito con l’universo delle valli occitane italiane, del Sud della Francia, fino ai confini con il Paese Basco, senza mai rinnegare i propri presupposti, per un itinerario limpido sotto il profilo etico e artistico. Punteggiata di passaggi crossover come di ritorni seriali alle radici acustiche, la vicenda dei Delfini è approdata di recente a una vena d’autore che è valsa al gruppo e al suo leader il Premio Tenco 2004. E d’autore è anche la lezione concerto alla Suoneria, in cui ghironda e pifferi, percussioni e zampogne, organetto e oggetti rurali si svelano tra temi tradizionali, canzoni dei Lou Dalfin, gighe, walzer, polke, scottish, racconti rocamboleschi e un senso dello humour da grande intrattenitore.

« Previous Post
Next Post »

INFO: 011 8028705